envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Africa

ABIDJAN (Costa d’Avorio)
Quando le difficoltà diventano un incoraggiamento

Dal Centre Culturel Comoè sono stati organizzati gruppi di catechesi in un quartiere periferico chiamato Blingué e in un altro sobborgo di Abidjan.
I catechisti, universitari e studenti degli ultimi anni della scuola media superiore, hanno dovuto iniziare da zero. Inizialmente sono andati a parlare con le famiglie per mettere d’accordo le diverse comunità etniche presenti nel quartiere. La più numerosa è quella degli immigrati dal Burkina Faso.
Dal primo momento, i genitori di famiglie cristiane hanno mostrato la loro gratitudine per l’iniziativa.L’estrema povertà del quartiere non rappresentato un ostacolo insormontabile per la costruzione di una piccola cappella.
Le lezioni si sono svolte nel pomerigi dei sabbati e delle domeniche. I ragazzi che assistevano alla catechesi pian piano si sono impegnati sempre di più. Sicché, ben presto, hanno preso il via anche lezioni di alfabetizzazione.

KINSHASA (Zaire)
Alfabetizzazione a Kimbondo

Fin dall’inizio di quest’anno, alcune ragazze, fedeli della Prelatura e amiche, svolgono un programma di alfabetizzazione a Kimbondo, uno dei quartieri più sottosviluppati di Kinshasa.
Prossimamente al corso di alfabetizzazione si aggiungeranno corsi d’igiene, di alimentazione, di orientamento familiare e di contabilità, che interesseranno anche numerosi villaggi vicini.
Durante le vacanze, un gruppo di studentesse ha compiuto una ricerca, che ha consentito di individuare le principali urgenze degli abitanti del territorio.

NAIROBI (Kenya)
Africa: speranza della Chiesa

Nel mese di giugno si è svolto nel Tigoni Study Centre un seminario per Cooperatori dell’Opus Dei sul documento pontificio La Chiesa in Africa. Hanno assistito circa trenta persone. Sono stati affrontati vari temi, quali l’evangelizzazione e i mezzi di comunicazione, l’inculturazione, la necessità di approfondire i contenuti della fede, ecc. Le lezioni sono state tenute, fra gli altri, da Fr. Anthony Muheria e dal Dott. David Sperling, professore di storia dell’Università di Nairobi.

Romana, Nº 23, Luglio-Dicembre 1996, p. 248-249.

Invia ad un amicoInvia ad un amico