envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

America

YBAPOBÓ (Paraguay)
Anche così si impara la Medicina

Dal 22 al 26 luglio 1996 ha avuto luogo un campo di lavoro sociale in una regione interna del Paraguay, a Porto Ybapobó, nella provincia di San Pedro, a 450 km dalla capitale del Paese. Ybapobó conta 600 abitanti che vivono soprattutto di pesca e di agricoltura, in condizioni di estrema povertà.
All’iniziativa, organizzata dal Centro Universitario Ycuá e dal Centro di Studi Puntarrieles, hanno partecipato trenta studenti di Medicina e di varie scuole di Asunción, che hanno pulito ed intonacato i locali d’una scuola e della chiesetta del luogo, oltre ad aggiustare gli impianti elettrici ed apportare altre migliorie.
Al contempo, un’équipe di medici e di odontoiatri ha prestato cure mediche a numerosi pazienti. Un sacerdote della Prelatura celebrava la Santa Messa ogni giorno ed era sempre disponibile per chi desiderava assistenza spirituale
Il campo di lavoro si è anche avvalso della generosa collaborazione di alcuni imprenditori di Asunción e dei genitori degli stessi ragazzi.

SANTIAGO (Cile)
Congresso per assistenti universitari

Dal 27 al 29 settembre si è svolto il Primo Congresso per Assistenti Universitari delle Facoltà di Scienze Umane. Il congresso, organizzato dalla Residenza Universitaria Alborada, ha riunito venticinque laureandi ed assistenti delle università di Santiago, Valparaíso, Concepción, La Serena e altre città cilene, con l’obiettivo di analizzare i problemi legati all’inizio della carriera accademica.
Il Congresso è stato inaugurato dal Prof. Gonzalo Ibáñez, Rettore dell’Università “Adolfo Ibáñez”, con una lezione dal titolo “Le scienze umanistiche nel secolo XX”. Il Prof. Hernán Corral, Direttore di Ricerca dell’Università “De los Andes”, ha parlato di “Ricerca nelle scienze umane”. Pablo Ruiz-Tagle, dell’Università del Cile, ha operato un’acuta analisi dei metodi d’insegnamento in queste discipline e Joaquín García-Huidobro, dell’Università di Valparaíso, ha illustrato “Le virtù del professore universitario”. Pedro Serna, dell’università de La Coruña (Spagna), ha esaminato i criteri di base per un’efficace organizzazione del lavoro d’équipe.
I seminari hanno messo a fuoco, secondo una prospettiva pratica, problemi come la metodologia della ricerca, il lavoro in équipe fra professori e alunni, ecc. Particolarmente interessante l’esposizione del prof. Patricio Bernedo, dell’Università Cattolica, che ha trasmesso l’esperienza acquisita durante gli studi di dottorato in Germania.

SAN PAOLO (Brasile)
L’Etica & le tasse

A ottobre si è svolto presso il Centro di Extensão Universitaria di San Paolo il XXI Simposio di Diritto Tributario, su “Principi di moralità nel Diritto Tributario”. Vi hanno partecipato più di duecento fra magistrati, docenti universitari, avvocati. Fra le personalità di spicco della giurisprudenza brasiliana presenti, il Dott. Aristides Junqueira Alvarenga e il Dott. José Carlos Moreira Alves, Ministri del Supremo Tribunale Federale; il Dott. Luiz Vicente Cernicchiaro, Ministro del Tribunale Superiore di Giustizia; il Dott. Ives Gandra da Silva Martins, rinomato giurista e docente universitario.
Gli atti del simposio sono stati pubblicati in un volume. Nelle relazioni e nelle conclusioni sono state individuate alcune applicazioni pratiche del principio di moralità sia dal punto di vista dei governanti quanto da quello dei cittadini.

CHICAGO (USA)
Processo ai giornali

Alex Kotlowitz, autore del best-seller There are no children here: the story of two boys growing up in the other America (Doubleday, 1991), ha illustrato in una conferenza il dovere del giornalista di informare con obiettività e l’influenza su scala mondiale dei valori trasmessi. L’incontro (con pranzo di lavoro) si è svolto presso il Metro Achievement Center, a Chicago, l’11 ottobre 1996, con la partecipazione di numerosi giornalisti, fra cui i corrispondenti del “Chicago Sun-Times”, del “New World”, del “Chicago Daily Defender”, di “Time”, di “U.S. News & World Report” e di altre testate, oltre a giornalisti radiofonici, studenti e diplomati della scuola di giornalismo “Medill”. Don Wycliffe, direttore della pagina-editoriale del “Chicago Tribune”, ha introdotto Kotlowitz.
Metro offre programmi di tutoria e attività di educazione extra scolastica per ragazze. Parallelamente, Midtown Educational Foundation sviluppa programmi analoghi per ragazzi.
L’esperienza di Kotlowitz nel “Wall Street Journal” (1984-1993), soprattutto nel settore dei problemi sociali quali la povertà ed il razzismo, gli ha consentito di esemplificare dal vivo le chiavi interpretative più ricorrenti nella stampa sui conflitti sociali. Ne è emersa la necessità per il giornalista di sentirsi personalmente impegnato, con la corretta messa a fuoco dei problemi di cui informa, nella loro soluzione. Anche la narrazione di vicende specifiche di alcune persone può essere utile per sottolineare l’esistenza di conflitti razziali rilevanti, ma — ha ribadito l’oratore — il giornalista non deve mai ignorare la responsabilità di proteggere la vita privata e la dignità dei protagonisti dei suoi pezzi.

TORONTO (Canada)
Wellspring Cultural Foundation: un mosaico di conferenze

La Fondazione Culturale Wellspring, ente proprietario e gestore di Ernescliff College, Residenza Universitaria del campus dell’Università di Toronto, ha organizzato quest’estate un programma di assistenza sociale per bambini dell’area del Toronto’s Regent Park ed un campo di lavoro per liceali nella provincia del Quebec, al quale hanno partecipato cinquanta ragazzi.
Fra le varie attività svoltesi nel corso dell’anno, numerosi incontri e conferenze per i residenti di Ernescliff. In febbraio, i professori Prateek Lala e Steven Rebello hanno tenuto una conferenza sul virus dell’immunodeficienza acquisita. Romeo Dallaire, Comandante delle Nazioni Unite per la missione di pace in Ruanda, ha narrato le vicissitudini di tale missione. In luglio, James Duffin, critico teatrale, ha tenuto una conferenza sul rapporto fra musica e teatro. In ottobre, Victor Smirnov, direttore del dipartimento di Scienze Politiche dell’Accademia Russa delle Scienze, ha illustrato la situazione politica attuale della Russia, mentre il Prof. John Rist ha esaminato quella israeliana. A novembre, Christine Blizzard ha trattato del giornalismo politico.
Il 19 ottobre si è svolto ad Ernescliff il Secondo Seminario sui Mezzi di Comunicazione, moderato dal giornalista Fred Barnes.

BARRANQUILLA (Colombia)
Sviluppo sociale della costa atlantica colombiana

Dal 24 giugno al 3 luglio 1996, un gruppo di studentesse universitarie colombiane si è recato, insieme a numerose colleghe provenienti dal Belgio e dalla Spagna, a Colorado, un centro abitato da pescatori della regione di Bolivar, sulla costa atlantica del paese, per un’attività di promozione sociale. L’obiettivo era di diffondere nozioni di base per la formazione di assistenti d’ambulatorio, attraverso conferenze sulla droga, l’alcolismo, la prevenzione dell’Aids, ecc.
A breve distanza da Colorado, nella regione dell’Atlantico, tre studentesse del gruppo, della Facoltà di Scienze Economiche e amministrative dell’Università di La Sabana di Bogotá, hanno tenuto lezioni sull’organizzazione di servizi turistici e sulla gestione di microaziende per i pescatori dell’Associazione di Lavoratori del Totumo.

RIO DE JANEIRO (Brasile)
In una “favela” di Rio

Gli studenti che partecipano ai mezzi di formazione del Centro Universitario di Tijuca hanno promosso una serie di iniziative educative nella vicina favela del Morro do Turano.
Il territorio è altamente deteriorato dal punto di vista educativo, morale e sociale: i ragazzi della favela sono perciò assai esposti a rimanere intrappolati nella rete della delinquenza. Il progetto educativo di Tijuca prevede interventi mirati a cambiare gradualmente tale triste situazione.
La prima fase d’intervento prevede lezioni tenute da studenti universitari a ragazzi dai dodici ai sedici anni, allo scopo di consentirne l’accesso alle migliori scuole pubbliche. La seconda fase prevede corsi di ragioneria ed informatica, che qualificheranno i ragazzi per il mercato del lavoro.
Oltre ai corsi scolastici e professionali, gli universitari impartiscono anche lezioni di formazione umana e cristiana, e promuovono attività sportive.

NEW YORK (Stati Uniti)
A Fort Apache

Nello scorso luglio si è svolta l’ottava edizione del Crotona Achievement Program, nel noto quartiere Fort Apache del South Bronx di New York. Crotona è un’iniziativa organizzata da fedeli della Prelatura, insieme ad amici e colleghi.
Un’ottantina di ragazzi fra i dieci e i quattordici anni (in gran parte ispanici o afroamericani) si sono incontrati ogni giorno per sei settimane nella scuola di St. John Chrysostom per seguire lezioni di scrittura, lettura e matematica e, subito dopo, per fare sport. Ogni settimana, una gita.
Trenta ragazzi hanno partecipato alle attività di tutoria per tutto l’anno scolastico. Tutti i sabato pomeriggio, una ventina assiste alle lezioni di catechismo impartite da qualche tutor. Altri dieci vanno ogni martedì fino a Manhattan, dove alcuni professionisti dedicano le ultime ore della giornata ad assistere i ragazzi nei compiti che devono svolgere per la scuola. Anche un gruppo di liceali tutti i giovedì assiste i ragazzi nello studio presso la sede dell’attività, nel Bronx.
In ottobre, le centinaia di persone che hanno collaborato al programma di Crotona si sono riunite in una sala del New York Athletic Club per rendere un omaggio a Irene H. Impellizzeri, vicepresidente della New York City Board of Education, e a Jeremiah W. O’Connor: entrambi hanno prestato un aiuto significativo sin dall’inizio. Steven Wilson, direttore finanziario del “Reader’s Digest” hanno ospitato gli invitati. Con i fondi raccolti nell’occasione, il comitato ha deciso di contribuire alla costruzione di un centro scolastico e sportivo nel quartiere.

CAÑETE (Perù)
Sfida alla povertà

Lo sviluppo della donna mediante l’educazione integrale, il consolidamento della famiglia come cellula fondamentale della società, la solidarietà: ecco le principali strategie nella lotta alla povertà emerse dal simposio organizzato da Condoray, Centro di Formazione per la Donna. Sono intervenute Lourdes Flores Nano, parlamentare peruviana, Marisa Aguirre, giornalista, Eugenie Veyrat, Direttrice di Condoray, e Carmen González, sociologa.
La Dott.ssa Flores Nano ha parlato del rapporto fra educazione e povertà, insistendo sulla necessità di promuovere la famiglia se si desidera raggiungere un vero sviluppo umano: quando le relazioni familiari sono ben impostate, i coniugi operano in modo davvero complementare e partecipano ad un progetto comune, che assume grande rilevanza sociale.
La Dott.ssa Aguirre ha affermato che l’autentico sviluppo umano non dipende solamente dai beni materiali, ma soprattutto dai valori etici sui quali viene impostata l’esistenza.
Eugenie Veyrat ha indicato che il rimedio alla povertà non può consistere solo in programmi assistenziali: l’esperienza di Condoray dimostra che solo quando i protagonisti del superamento della povertà sono i diretti interessati si raggiunge una vera efficacia.
Al Simposio hanno partecipato signore di varie città della provincia di Cañete, oltre alle operatrici sociali di Condoray.

CITTÀ DEL MESSICO (Messico)
L’Arcivescovo di Città del Messico nel Centro Culturale La Galvia

Monsignor Norberto Rivera Carrera, Arcivescovo Primate del Messico, ha visitato lo scorso 22 agosto a Città del Messico il Centro Culturale La Galvia. Il Rev. Dott. Antonio Moya, Vicario Delegato della Prelatura, ha dato il benvenuto all’Arcivescovo.
Alcune centinaia di signore e ragazze hanno raccontato episodi significativi dell’attività apostolico del Centro. Le più giovani hanno parlato della promozione sociale svolta in campagna e alla periferia della capitale. Le signore hanno raccontato la propria esperienza nella raccolta di fondi per il sostegno dei programmi sociali a favore dei più bisognosi. Inoltre, alcune giornaliste hanno illustrato il proprio impegno nella diccusione della dottrina del Magistero sulla “cultura della vita”, mentre un gruppo di artiste ha riferito dell’apostolato svolto nella scuola di pittura; altre, infine, hanno raccontato il proprio impegno nel settore della moda, mirante ad elaborare prodotti coerenti con il concetto cristiano della dignità della persona.
Monsignor Rivera Carrera ha incoraggiato tutte a continuare a promuovere la visione cristiana della persona e della società, specialmente riguardo alla difesa della vita.

MONTEVIDEO (Uruguay)
Una professione chiave

Alla presenza del Presidente della Repubblica, Julio M. Sanguinetti, del Ministro del Turismo e dell’ambasciatore d’Italia in Uruguay, è stata inaugurata a Montevideo la Scuola Alberghiera e di Turismo Del Plata. Alla cerimonia, tenutasi il 24 ottobre, hanno assistito i membri dell’Associazione Culturale e Tecnica (ACT), organizzazione governativa che gestisce il progetto, oltre alle insegnanti e alle alunne.
Ai seminari e corsi della scuola parteciperanno ogni anno quattrocento ragazze che lavorano nel settore alberghiero.
Le strutture della scuola (cucine, aule, laboratorio sperimentale di pasticceria, aula per dimostrazioni, mensa self-service, lavanderie, ecc.) sono state donate dal governo italiano. L’accordo, promosso dalla ACT e dal governo italiano, prevede anche la formazione permanente delle insegnanti in centri specializzati europei.
Il corso dura due anni, più uno di specializzazione in Gastronomia e Housekeeping.
Le alunne della scuola Del Plata seguiranno lezioni pratiche presso la Residenza Universitaria Del Mar, annessa alla scuola, che ospiterà cinquanta universitarie e verrà aperta nel mese di marzo 1997.
Le attività di formazione cristiana di questa nuova scuola sono affidate alla Prelatura dell’Opus Dei.

Romana, Nº 23, Luglio-Dicembre 1996, p. 243-248.

Invia ad un amicoInvia ad un amico