envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Preghiera del Santo Padre Giovanni Paolo II per il primo anno di preparazione al Grande Giubileo del 2000 (30-XI-1996)


Signore Gesù,
pienezza del tempo e signore della storia,
disponi l’animo nostro a celebrare con fede
il grande Giubileo del Duemila,
perché sia anno di grazia e di misericordia.
Donaci un cuore umile e semplice,
perché contempliamo con meraviglia sempre nuova
il mistero dell’Incarnazione,
quando tu, Figlio dell’Altissimo,
nel grembo della Vergine, santuario dello Spirito,
sei divenuto nostro Fratello.

Lode e gloria a te, o Cristo, oggi e nei secoli eterni.

Gesù, inizio e compimento dell’uomo nuovo,
converti a te i nostri cuori,
perché, abbandonati i sentieri dell’errore,
camminiamo sulle tue orme
per la via che conduce alla vita.
Fa’ che, fedeli alle promesse del Battesimo,
viviamo con coerenza la nostra fede,
testimoniando con impegno la tua parola,
perché nella famiglia e nella società
risplenda la luce vivificante del Vangelo.

Lode e gloria a te, o Cristo, oggi e nei secoli eterni.

Gesù, potenza e sapienza di Dio,
accendi in noi l’amore per la divina Scrittura,
dove risuona la voce del Padre,
che illumina e infiamma, nutre e consola.
Tu, Parola del Dio vivente,
rinnova nella Chiesa lo slancio missionario,
perché tutti i popoli giungano alla conoscenza di te,
vero Figlio di Dio e vero Figlio dell’uomo,
unico Mediatore tra l’uomo e Dio.

Lode e gloria a te, o Cristo, oggi e nei secoli eterni.

Gesù, sorgente di unità e di pace,
rafforza la comunione nella tua Chiesa,
dona slancio al movimento ecumenico,
perché tutti i tuoi discepoli,
con la forza del tuo Spirito,
diventino tra loro una cosa sola.
Tu che ci hai dato come norma di vita
il comandamento nuovo dell’amore,
rendici costruttori di un mondo solidale,
in cui la guerra sia vinta dalla pace,
la cultura della morte dall’impegno per la vita.

Lode e gloria a te, o Cristo, oggi e nei secoli eterni.

Gesù, Unigenito del Padre,
pieno di grazia e di verità,
luce che illumina ogni uomo,
dona a chi ti cerca con cuore sincero
l’abbondanza della tua vita.
A te, Redentore dell’uomo,
principio e fine del tempo e del cosmo,
al Padre, fonte inesauribile d’ogni bene,
allo Spirito Santo, sigillo dell’infinito amore,
ogni onore e gloria nei secoli eterni.
Amen.

Romana, Nº 23, Luglio-Dicembre 1996, p. 165-166.

Invia ad un amicoInvia ad un amico