envelope-oenvelopebookscartsearchmenu

Una paterna e generosa testimonianza di vita

Il 12 dicembre, festa della Madonna di Guadalupe, è morto Mons. Javier Echevarría (1932-2016). 

Questo numero di Romana contiene una cronaca di quelle giornate, nelle quali centinaia di persone hanno voluto pregare davanti al suo feretro e dare il loro ultimo addio al prelato. In quei momenti sono state di grande consolazione le parole che Papa Francesco ha rivolto ai fedeli dell’Opus Dei in un telegramma: «Mi unisco ai vostri ringraziamenti a Dio per la sua paterna e generosa testimonianza di vita sacerdotale ed episcopale, sull’esempio di san Josemaría Escrivá e del beato Álvaro del Portillo, ai quali era succeduto alla testa di tutta questa famiglia». Il Santo Padre ha sottolineato che Mons. Echevarría «donò la propria vita in un costante servizio di amore alla Chiesa e alle anime» e ha assicurato «un fervente suffragio per questo suo fedele servitore».


Nella Messa celebrata per l’anima del prelato, che si è svolta nella basilica romana di Sant’Eugenio, Mons. Fernando Ocáriz – allora vicario ausiliare – ha detto, rivolto in particolare ai fedeli della Prelatura: «Se fosse qui tra noi colui che abbiamo chiamato Padre per ventidue anni, sicuramente ci chiederebbe di approfittare di questi giorni per intensificare il nostro amore per la Chiesa e il Papa, di essere molto uniti fra di noi e con tutti i nostri fratelli in Cristo. E ci ripeterebbe ciò che era divenuto sulle sue labbra, specie nei suoi ultimi anni sulla terra, un ritornello: voletevi bene, amatevi sempre di più! E non solo sulle sue labbra: faceva impressione vedere come voleva bene agli altri. Ricordo, ad esempio, che il giorno prima della sua morte manifestò il proprio disagio pensando di disturbare tante persone che si prendevano cura di lui. Mi venne spontaneo dirgli: “No Padre, è lei che ci sostiene tutti”.


«Fra i tanti santuari della Madonna nei quali si è recato a pregare con san Josemaría e il beato Álvaro, e poi come prelato, c’è quello di Nostra Signora di Guadalupe in Messico. La Provvidenza ha voluto che il Padre fosse chiamato al Cielo proprio il 12 dicembre, festa della Madonna di Guadalupe. Lo stesso giorno, quando la sua salute stava peggiorando, un sacerdote gli chiese se desiderava avere un’immagine della Madonna di Guadalupe di fronte a lui; il Padre rispose che non era necessario perché non sarebbe riuscito a vederla. Ma aggiunse che, a ogni modo, la sentiva molto vicina a sé. Affidiamo alla Vergine Maria, spes nostra, speranza nostra, la nostra preghiera per Mons. Javier Echevarría, mentre ringraziamo il Signore per averci dato questo pastore buono e fedele».


Le seguenti pagine vogliono anche esprimere la gratitudine per la sua dedizione come pastore nei 22 anni in cui è stato il prelato dell’Opus Dei.

Romana, Nº 63, Luglio-Dicembre 2016, pag. 226.